May 26, 2018 - 11:35 AM  
Il sito ufficiale di Enrico Moriconi
Consigli per la lettura


Edizioni Cosmopolis


Menu Principale
· Home
· Eventi
· Articoli & Riflessioni
· Pagine istituzionali
· Comunicati stampa

· Indice degli Argomenti

· Web Links
· Statistiche
· Ricerca sul sito
· Segnalaci agli amici
· Inviaci un contributo
· FAQ - Come navigare
· Download documenti


Menu Argomenti
· All Topics
· Ambiente (Mar 09, 2010)
· Animali (Apr 02, 2010)
· No alla guerra (Jan 21, 2009)
· No alla TAV (Jan 22, 2010)
· No Fly (Jun 23, 2008)
· Olimpiadi?No grazie (Feb 23, 2010)
· Politica (May 22, 2010)
· Salute_pubblica (Jan 14, 2010)
· Varie (Feb 08, 2010)

Cerca nel sito


Cerca in Wikipedia


Chi c'è online
We have 8 guests and 0 members online

You are an anonymous user. You can register for free by clicking here


Arcoiris TV - Internet Free TV
Non voglio dimostrare niente, voglio 
mostrare. Federico Fellini

Altri Articoli
· Violenze inaccettabili (May 22, 2010)
· Berlusconi e Fini: non si sa chi vincerà ma sconfitti saranno gli italiani (Apr 24, 2010)
· Attività, istituzionali e non, svolte in favore degli animali non umani (Apr 02, 2010)
· La pillola RU486, Cota e il Pd (Apr 02, 2010)
· La doppia illusione del socialismo europeo (Apr 02, 2010)
· Elezioni Regionali: commento dopo-voto di Annamaria Rivera (Apr 01, 2010)
· Elezioni Regionali 2010 in Piemonte (Mar 09, 2010)
· Ogm a volontà? (Mar 09, 2010)
· Sui fatti di Via Padova a Milano (Mar 08, 2010)
· Risposta a Vera Schiavazzi (Feb 28, 2010)
· Olimpiadi invernali. Lo spreco continua (Feb 23, 2010)
· Lo sterminio dei tonni e la cecità umana (Feb 20, 2010)
· Obama e il nucleare: la delusione corre veloce (Feb 18, 2010)
· Frana il territorio insieme alla speranza (Feb 14, 2010)
· Nell’ultima seduta del Consiglio regionale largo spazio alla tutela degli animali (Feb 11, 2010)
· Olimpiadi invernali. Ricordiamoci i fatti di Torino 2006 (Feb 09, 2010)
· Talamone: un'altra colata di cemento bipartisan (Feb 08, 2010)
· Il carcere di Ivrea supera l’esame dei Consiglieri regionali Moriconi e Dalmasso (Feb 08, 2010)
· Il porto di Fiumicino: un esempio di scempio ambientale bipartisan (Feb 04, 2010)
· Confermato lo stop alle coltivazioni Ogm in Italia (Jan 25, 2010)
· Sostegno al popolo NO-TAV in Val di Susa (Jan 22, 2010)
· Vaccini influenza A una truffa? Noi lo avevamo detto (Jan 14, 2010)
· Rosarno: è una lotta tra clan mafiosi (Jan 10, 2010)
· Nucleare: menzogne e realtà (Jan 04, 2010)
· Obama e il Nobel (Dec 19, 2009)

View all articles for this topic.

  Articoli & Riflessioni: Violenze inaccettabili
Inviato da: Alex Arrigoni on Saturday, May 22, 2010 - 12:31 PM CET
 
  Moriconi e la politica
6528 Reads



Elvio Fichera e Paola Quartini sono stati uccisi mentre stavano intervenendo per mettere fine alla sofferenza di alcuni cani detenuti da un cacciatore molto noto nella zona di Genova, soprattutto perché sempre in prima linea nell'opera di "sterminio controllato" degli ungulati presenti sul territorio operata dalla Provincia stessa.

Con la tenacia e la passione nota a tutti coloro che hanno conosciuto Paola ed Elvio, essi non potevano accettare che quei cani fossero costretti a vivere in condizioni di forte malessere.
Non potevano sapere che vi può essere chi è disposto a uccidere piuttosto che accettare le proprie responsabilità secondo la Legge.

Chi li ha conosciuti sapeva della loro generosità, dell'attenzione verso gli altri esseri viventi, della dedizione nel cercare di alleviare le condizioni dei sofferenti.

Nella nostra società violenta sempre più spesso vi è chi, perdendo la testa, compie gesti irreparabili, e per questo è inaccettabile che vi siano tante armi libere a disposizione di persone, in maggioranza cacciatori, di cui non si conosce la effettiva stabilità mentale...

Leggi tutto... (1334 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Berlusconi e Fini: non si sa chi vincerà ma sconfitti saranno gli italiani
Inviato da: Alex Arrigoni on Saturday, April 24, 2010 - 02:51 PM CET
 
  Moriconi e la politica
6075 Reads



È molto poco appassionante la lotta che contrappone Berlusconi e Fini, nonostante la grande risonanza mediatica in televisione e sui giornali. Da un punto di vista puramente analitico, le posizioni di Fini sono quelle più vicine a un vero dibattito politico: una delle due componenti del Pdl, l'ex An, non può non provare a far valere le proprie ragioni di fronte a una alleanza con la Lega che le sta togliendo voti e sta mettendo in un angolo le posizioni centraliste degli ex fascisti, con una Lega che riesce benissimo a valorizzare le idee di un federalismo egoistico e razzista tanto da diventare di fatto la vera rappresentante della destra xenofoba e un poco autarchica.
Di fronte a tale quadro politico e sociale la vecchia destra è quasi obbligata a puntare i piedi, con tutti i rischi connessi...

Leggi tutto... (2077 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: La pillola RU486, Cota e il Pd
Inviato da: Alex Arrigoni on Friday, April 02, 2010 - 06:51 PM CET
 
  Moriconi e la politica
5771 Reads



Le elezioni hanno lasciato ancora più disorientato il Partito Democratico, convinto che almeno il Piemonte resistesse alle 'orde barbariche' della Lega e del Pdl, invece...
Sembrava quasi scontato che, essendo il Pd più forte in Torino e nella sua provincia potesse riequilibrare la crescita della destra nelle resto del territorio, certo che i suoi elettori lo avrebbero comunque votato in difesa dalla destra, nonostante tutto.

Invece si è sottovalutata l'erosione di voti del centrosinistra presente già nelle precedenti tornate elettorali pur vincenti, si è sottostimata la critica montante di larga parte della sinistra a sostenere partiti che governano senza un vero progetto. Salvo incolpare i cittadini che non hanno votato o che hanno votato per Grillo dandogli del millantatore, del capo-popolo, del qualunquista.

Una delle prime azioni di Cota - subito seguito da Zaia - è stata la proposta di bloccare la pillola abortiva RU 486 nei magazzini, senza distribuirla. A parte il fatto che se esiste una norma europea sarà difficile impedirne la circolazione, quello che deve farci temere è che la destra non ha timore di prendere decisioni che vanno persino contro i suoi votanti (forse che le donne leghiste possano fare a meno delle proptezioni della Legge 194?), pur di compiacere i poteri forti, quelli ecclesiastici in questo caso.
A parte tutto ciò, le prime reazioni del centro sinistra sono sconfortanti, perchè una volta di più dimostrano la pochezza del proprio programma politico....

Leggi tutto... (3461 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: La doppia illusione del socialismo europeo
Inviato da: Alex Arrigoni on Friday, April 02, 2010 - 05:14 PM CET
 
  Moriconi e la politica
5340 Reads



Le vicende tutto sommato non disastrose del socialismo europeo, ridimensionato ma non annullato come in Italia, con emersioni vistose come recentemente in Francia, rilanciano periodicamente il ritornello sulla necessità del rilancio di un socialismo social-democratico in Italia.

Questa è una doppia e pericolosa illusione: illusione che in Italia ci siano le basi per realizzare un progetto socialdemocratico e che la social democrazia sia la soluzione per uscire da crisi gravi e non solo economiche, del nostro pianeta.

La prima illusione si basa sommariamente sulla speranza che la parte di “sinistra” del Partito Democratico, quello che deriva dall'evoluzione del vecchio partito comunista, costretto al cambiamento dopo la caduta del muro di Berlino, possa finalmente esplicitare un progetto pienamente nuovo. È una speranza che al momento non ha basi per realizzarsi: i socialisti europei hanno una forte caratterizzazione laica che si coniuga con un progetto politico socialdemocratico centrato sulla ridistribuzione di una parte del guadagno in un sistema di tipo capitalista liberale. Sono due capisaldi inaccessibili all'attuale sinistra istituzionale italiana...

Leggi tutto... (12341 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Ogm a volontà?
Inviato da: Alex Arrigoni on Tuesday, March 09, 2010 - 11:31 AM CET
 
  L'ambiente
5353 Reads



Seguiamo da sempre la questione OGM, sia sotto il profilo ecologico che della salute umana.
Il titolo di questa mia ultima riflessione può sembrare eccessivo, in fondo si tratta solo di una patata!
Ma questa volta il cavallo di Troia lo potrebbe fare una patata, purtroppo. Se si leggono i comunicati trionfanti delle multinazionali della chimica si capisce che la preoccupazione non è esagerata.

I comunicati dicono che “E' pienamente riuscita l'azione di sfondamento attuata dalla Commissione europea che in poche settimane dalla sua investitura è riuscita a mettere fine alla moratoria su nuove colture Ogm che resisteva in Europa dal 1998”. E deridono come trogloditi gli oppositori degli Ogm...
Note:
Purtroppo l'appello dei mesi scorsi del Papa in Vaticano di aprire agli Ogm per cercare di risolvere il problema della fame mondiale non va nella direzione che noi come ecologisti auspichiamo. Il mondo è sovrappopolato, le risorse sono mal distribuite e la situazione è destinata a peggiorare senza interventi strutturali sugli stili alimentari di noi 'ricchi'. Come affermiamo da anni atttraverso il sito della campagna Un'altra alimentazione è possibile è attraverso la riduzione del nostro fabbisogno alimentare - per esempio attraverso una forte diminuzione degli apporti di cibo animale nella nostra dieta - che si potrà risolvere stabilmente il problema della fame nel mondo. Il Vaticano è certamente poco e male informato sull'argomento.


Leggi tutto... (1686 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Olimpiadi invernali. Lo spreco continua
Inviato da: Alex Arrigoni on Tuesday, February 23, 2010 - 10:50 AM CET
 
  Testi e dati su Torino 2006
4147 Reads


Ricordiamo tristemente lo scomparso Nodar Kumaritashvili, di soli 21 anni, ultima vittima dell'immensa macchina dei Giochi olimpici. Avremmo voluto quanto meno vedere una cerimonia di apertura, a Vancouver, un po' più sotto tono. Ma così non è stato.

“Salviamo il bob (di Cesana)” titolava domenica la Stampa di Torino. Per fortuna si ammette che il costo di mantenimento dell'impianto è di 2 milioni di euro l'anno mentre i ricavi sono di 500 mila euro, se poi sono veri (e chissà come conteggiati).
Mentre il paese è forte in crisi, si perde lavoro e continuano inarrestabili la corruzione (di oggi è la notizia delle truffe dei falsi invalidi) e l'evasione fiscale, i nostri giornalisti non smentiscono la loro fama di pennivendoli al servizio del potere. Sia di quello nazionale sia di quello dei piccoli rais locali. Chi prova a protestare non viene ascoltato, senza provare a rispondere con i fatti e con i dati alle critiche.
Perchè buttare via un milione e mezzo di euro all'anno? Per aiutare il turismo che porta lavoro e occupazione? ...
Note:
Scaricate il file .pps (Presentazione di Power Point) I costi di Torino 2006 di Enrico Moriconi.

Leggi tutto... (2034 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Lo sterminio dei tonni e la cecità umana
Inviato da: Alex Arrigoni on Saturday, February 20, 2010 - 02:15 AM CET
 
  L'ambiente
5221 Reads


Immagine cliccabile (la mattanza dei tonni) procida.tv

L'Unione europea ha chiesto di porre un freno alla pesca dei tonni, in seguito alla constatazione, da più parti e più volte denunciata, di un livello di pesca troppo elevato che ha portato le presenze del pesce ai minimi termini.

Per evitare la totale scomparsa, la moratoria di tale pesca sarebbe dunque indispensabile.
Secondo le abitudini umane, subito i pescatori hanno fatto sentire la loro voce dicendo che così rischiano di perdere il lavoro circa 700 persone, soltanto in Italia. Quello che stupisce veramente è la cecità insita in questa protesta. I tonni, come gli altri pesci, non si possono costruire in una qualche fabbrica e la pesca sconsiderata di questi anni ha distrutto i banchi del pesce, che al di sotto di un numero minimo critico non riuscirebbe più a riprodursi andando così incontro all'estinzione...

Leggi tutto... (1158 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Frana il territorio insieme alla speranza
Inviato da: Alex Arrigoni on Sunday, February 14, 2010 - 09:15 AM CET
 
  L'ambiente
4022 Reads


Immagine cliccabile Tiscali.it

Le frane di Maierato e San Fratello, paese di nascita di Craxi, dovrebbero servire ad aprire un discorso serio sulle scelte urbanistiche italiane e anche di costume.
Di fronte all'evento grave che per fortuna non ha prodotto morti, una nazione, un popolo dovrebbe aprire una discussione seria su quello che tutti insieme si sta facendo. Perchè quando ci sono morti in Italia non si possono fare discorsi seri: su tutto cala il candido lenzuolo del perdono cattolico e del cordoglio inane che ammanta ogni cosa di religiosa pietà, sotto la quale si nascondono le colpe di chi quei morti ha provocato con le proprie scelte private e di amministrazione pubblica.

Ebbene, due paesi sono stati devastati da uno smottamento di terra, in seguito alle forti piogge, e sarebbe giusto domandarsi chi e perchè abbia voluto costruire su quei pendii, chi e perchè abbia dato i permessi (se tali permessi sono stati dati), chi e perchè abbia ignorato che pendi disboscati e privi di difese naturali franano sotto la pressione di forti piogge…

Leggi tutto... (1954 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Obama e il nucleare: la delusione corre veloce
Inviato da: Alex Arrigoni on Thursday, February 18, 2010 - 10:47 AM CET
 
  Moriconi e la politica
4413 Reads

L'elezione di Obama aveva scatenato una specie di competizione all'elogio della possibile innovazione, del vento nuovo che avrebbe spazzato tutto il vecchio. Chi invitava alla moderazione del giudizio, all'attesa, veniva quasi compianto come colui che non capiva l'innovazione e il progresso. In verità gli osservatori più attenti delle vicende statunitensi sanno che in quel paese non si muove molto senza il consenso della grandi lobbies economico finanziarie, ed è bastato attendere un anno per vedere avverate la previsioni più realistiche e moderate rispetto alle attese di cambiamento. Obama nel suo primo anno non ha risposto ad alcuna delle attese e speranze suscitate durante il periodo elettorale, come già avevamo segnalato in occasione del confermimento del Nobel per la pace"...

Leggi tutto... (1851 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Confermato lo stop alle coltivazioni Ogm in Italia
Inviato da: Alex Arrigoni on Monday, January 25, 2010 - 03:27 PM CET
 
  L'ambiente
4864 Reads

Foto cliccabile (video di Greenpeace) tratta da beppegrillo.it

Nei giorni scorsi si era manifestato un grande allarme da parte di associazioni (come Greenpeace ma non solo) e cittadini preoccupati dal decreto che il governo aveva in animo di emanare sulle regole per la coesistenza, cioè per permettere le coltivazioni di piante nate da semi geneticamente modificati.
Le critiche sottolineavano come la coesistenza è praticamente impossibile laddove ci sono grandi estensioni di terreno ma neppure proponibile in Italia paese in cui, come ben sappiamo, le proprietà terriere sono piccole o medie. Permettere la coltivazione di semi ogm vuol dire inquinare le altre coltivazioni, anche biologiche, i cui semi si ibridano con quelli tecnologici prodotti in laboratorio.

Evidentemente il regalo fatto da Berlusconi e dai suoi lacchè della Novartis non bastava alle multinazionali della chimica che sono le uniche a speculare enormi profitti sui semi geneticamente modificati. D'altra parte perché privilegiare solo la Novartis e non anche Monsanto. Presto fatto. Il decreto da tempo fermo stava per essere emanato, con grande gioia delle imprese interessate...

Leggi tutto... (1830 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Vaccini influenza A una truffa? Noi lo avevamo detto
Inviato da: Alex Arrigoni on Thursday, January 14, 2010 - 09:37 AM CET
 
  Salute pubblica
3908 Reads



Dovremmo fare una rubrica con il titolo “L’avevamo predetto” in quanto sono innumerevoli le volte che anticipiamo di mesi la realtà futura.
Tempo fa, in momenti non sospetti, nell’articolo Come ti curo la crisi, avevo sostenenuto che il clamore sull'influenza suina A1H1 era solo una truffa, una esaltazione del problema (relativo agli allevamenti intensivi di animali) per favorire le case farmaceutiche che sarebbero state le uniche a guadagnare dalla vicenda, sui soldi e sulla pelle dei contribuenti ignari, come ho anche affermato in televisione nei mesi scorsi.
Puntualmente così è avvenuto: vari stati, l'Italia tra i primi, perché quando si tratta di regalare alle multinazionali Berlusconi non si fa certo superare facilmente, hanno ‘regalato‘ miliardi alle multinazionali del settore farmaceutico. Adesso addirittura qualcuno, tra cui l’On. Gasparri, ha il coraggio di rivendicare lo scandalo a suo favore: i vaccini giacciono invenduti, nessuno li utilizza ma i denari investiti hanno significato comunque una scialuppa di salvataggio per le case farmaceutiche, le quali certamente non sono italiane, ad esempio, mentre i soldi dei contribuenti, così maldestramente o fraudolentemente impegnati, lo sono.
Oggi si associa al coro delle proteste anche il presidente della Commissione Sanità del Consiglio d'Europa Wolfgang Wodarg (nella foto), il quale ha accusato le industrie farmaceutiche di aver influenzato l'Organizzazione Mondiale della Sanità affinché dichiarasse la pandemia...

Leggi tutto... (1817 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Rosarno: è una lotta tra clan mafiosi
Inviato da: Alex Arrigoni on Sunday, January 10, 2010 - 11:07 PM CET
 
  Moriconi e la politica
3882 Reads



Come al solito i commenti intorno alla ‘guerra’ di Rosarno si fermano alla superficie fenomenica delle cose, alla descrizione di quello che avviene. Chissà quanto tempo dovremo aspettare finché qualche “intellettuale “ di sinistra o di destra dia la sua lettura un po‘ più approfondita.

Le verità, l'unica, è che si tratta di un'ennesima guerra tra clan mafiosi. Tutto è iniziato da un assalto mafioso che ha scatenato la risposta, per carità spropositata e maldiretta, dei poveri immigrati, ma ci si deve chiedere perché la mafia abbia dato inizio allo scontro. La risposta non è che una: un clan mafioso in lotta con quello che gestiva la tratta degli schiavi, di questi schiavi moderni, ha deciso di muovere la guerra a chi gestiva il traffico medesimo.
Adesso che gli immigrati sono stati allontanati, chi lavorerà a 20 euro al giorno per 14 ore? È facile dirlo, altri immigrati prontamente disponibili, gestiti però da un altro clan. E che saranno ancora più sfruttati. Chi altro lavorerà nei campi? ...

Leggi tutto... (2361 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Nucleare: menzogne e realtà
Inviato da: Alex Arrigoni on Monday, January 04, 2010 - 11:07 AM CET
 
  Salute pubblica
4018 Reads



Ambiente Italia del 2 gennaio ha dedicato una trasmissione al nucleare, sollecitato dall'approvazione del decreto del Consiglio dei Ministri che ha indicato gli elementi per scegliere i siti delle future cinque centrali nucleari. Soprassedendo al fatto che gli italiani già avevano detto no al nucleare con un referendum, anche sull'atomo Berlusconi e i berluscones continuano nell'opera di mistificazione continua della realtà, diventata ormai lo stratagemma principe di questo governo. Dicono i ministri e gli esponenti del centro destra che si tratterebbe non di vecchie centrali bensì di nuova tecnologia e questa è la prima colossale bugia. Gli acquisti fatti di tecnologia francese (con Edf) e di tecnologia statunitense, con un'altra sigla, si riferiscono a centrali del vecchio tipo perché quelle nuove sono ancora in costruzione, in Francia e Finlandia, non si sa neppure se funzioneranno e non saranno certamente quelle che si dovrebbero iniziare a costruire entro il 2010. Quanto alle futuribile centrali di quarta generazione, quelle saranno pronte nel 2050, quando forse anche l'immortale non sarà più di questa terra...

Leggi tutto... (2054 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Obama e il Nobel
Inviato da: Alex Arrigoni on Saturday, December 19, 2009 - 12:34 PM CET
 
  Moriconi e la politica
3705 Reads



In attesa degli esiti - incerti - del vertice sul clima, una riflessione sul Premio Nobel per la Pace al Presidente USA.

Che il premo Nobel sia politicizzato è un dato di fatto e che quello per la pace il più facile ai condizionamenti del “politically correct” è altrettanto risaputo, almeno da quando esso è stato assegnato a Rabin e Bush per la pace, mai fatta, in Palestina.

Nell'esempio potrebbe starci benissimo quello alla letteratura a Dario Fo, che tutti amiamo, il quale sembra più essere stato premiato come lancio e sostegno ad un traballante governo italiano di centro sinistra più che nel rispetto della finalità letteraria del premio.

Così nella scelta di Obama forse ha pesato di più la volontà di premiare l'evento del primo afroamericano presidente della più potente, e certo fino a poco tempo fa, razzista nazione del mondo, in buona competizione con Israele su questo secondo punto, che non un fatto specifico compiuto dallo stesso, anche per il poco tempo trascorso dalla sua elezione...

Leggi tutto... (2983 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Il duomo di Milano e Berlusconi
Inviato da: Alex Arrigoni on Tuesday, December 15, 2009 - 12:54 AM CET
 
  Moriconi e la politica
2929 Reads

Foto cliccabile beppegrillo.it

Berlusconi è il primo Presidente del Consiglio in carica che effettua comizi elettorali. Questa è una (altra) anomalia italiana di cui dovrebbe rendere conto al Parlamento e al Presidente della Repubblica.

Volendo si può vedere una sorta di fatalità nel fatto che l'”oltraggio” a Berlusconi sia stato causato proprio con il simbolo principe della città dove il Cavaliere ha fatto la sua fortuna e dove ha iniziato a costruire il suo mito, grazie alle sue attività di palazzinaro indefesso (Milano 2, ecc.).
Nel gran baccano che il fatto ha scatenato, con voci per lo più di sostegno incondizionato al Premier e poche a tentare un'analisi oggettiva, vi sono elementi che andrebbero esaminati un poco più approfonditamente.
La prima, che non vuole giustificare l'aggressione, è che effettivamente chi ha alzato in Italia il tono della contesa politica è stato proprio Berlusconi, insieme con la sua parte politica. Chi ha demonizzato gli altri, “i comunisti”, chi ha portato un clima da “o con me o contro di me” non è stata certo la controparte ma il centro destra, anche nella giornata di oggi.

Come dimenticare le minacce di “30.000 padani armati” di Bossi & c., le continue aggressioni verbali razziste e xenofobe dei vari Gentilini, Calderoli e Borghezio, le minacce periodiche pubblicate dalle pagine de Il Giornale (poco più di due anni fa un articolo del medesimo figurava Berlusconi che chiedeva “un killer per dare l’ultimo colpo di grazia a Prodi”), gli insulti e gli sdoganamenti continui di parolacce da parte del Premier e di alcuni dei suoi (come Ignazio La Russa che manda “a morire ammazzati i giudici europei che hanno deciso di far togliere il crocifisso dalle aule perché ‘non contano niente’” e che dà del pedofilo in pubblico a un suo contestatore)...

Leggi tutto... (2305 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Si scrive acqua si legge Bolkestein e WTO
Inviato da: Alex Arrigoni on Wednesday, November 25, 2009 - 11:43 AM CET
 
  L'ambiente
2964 Reads



Con la legge appena approvata in Italia, con la fiducia per domare eventuali dissidenti interni, il governo fa un altro passo avanti nell’americanizzazione del Paese. Con le solite belle parole della politica si giustifica una scelta scellerata. I fautori sostengono che la privatizzazione dei servizi darà un migliore servizio perché i gestori saranno obbligati dalla concorrenza a essere più competitivi (sappiamo bene che in Italia le grandi imprese tendono a fare “cartello“, come nel caso delle tariffe telefoniche, adsl, cellulari e dei prodotti petroliferi).

Il timore è che accada esattamente l’opposto. L’interesse delle imprese private è il guadagno e le regole della privatizzazione prevedono che le spese di gestione siano ricuperate con le tariffe a carico degli utenti. I cittadini così pagheranno due volte il servizio...

Leggi tutto... (2728 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Nucleare: informiamoci sui rischi
Inviato da: Alex Arrigoni on Wednesday, November 25, 2009 - 10:38 AM CET
 
  Salute pubblica
3567 Reads



Abbiamo già denunciato che non basta rassicurare la popolazione piemontese sul fatto che non verranno costruiti nuovi impianti nucleari in Piemonte - nonostante le pretese del Governo attuale - dal momento che i siti nucleari già presenti nella nostra Regione sono fonte di inquinamento radioattivo e mettono potenzialmente a rischio la salute di migliaia di cittadini.

Vogliamo che la popolazione si informi sui rischi reali, attuali e futuri, che presentano i siti di Saluggia, Trino e Bosco Marengo, sul quale è aperta una serie di ricorsi legali per bloccare la realizzazione di un nuovo deposito nucleare. Invitiamo tutti dunque a consultare la pagina Web della Struttura semplice 21.02 dell'ARPA Piemonte, per visualizzare tutta la documentazione inerente i tre siti in questione...

Leggi tutto... (2528 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Lettera a Pietro Folena
Inviato da: Alex Arrigoni on Friday, November 13, 2009 - 03:35 PM CET
 
  Moriconi e la politica
2106 Reads



Caro Pietro

ho letto la tua lettera e ti propongo alcune mie perplessità. Tu parli di un Pd “rivoluzionario” e proprio su questo vorrei richiamare la tua attenzione. È vero che sarebbe necessaria una rivoluzione perché da tempo il Pd, ma dovrei dire già prima il DS ha perso la sua stella polare.
La scelta interclassista ha portato ad instaurare un dialogo paritario con tutte le categorie e le classi sociali, con la difficoltà di chiarire l’obiettivo e le priorità. Se i nostri ideali sono quelli di una società più giusta, a me sembra inevitabile pensare che tutti debbano partecipare in base alle proprie possibilità. Se vivessimo in un mondo perfetto la cosa non sarebbe neppure messa in discussione ma purtroppo non è così. La classi più forti hanno indubbiamente un potere “contrattuale” più rilevante rispetto alle altre. Infatti negli ultimi anni l’indirizzo di governo a livello italiano ed europeo è stata una strategia liberista: i dati ufficiali dicono che le scelte amministrative hanno mirato ad accondiscendere alle richieste imprenditoriali e si è abbassato il livello di fiscalizzazione nella speranza che ci fosse un reinvestimento di risorse ed un conseguente aumento di posti di lavoro. Secondo le statistiche il processo non si è avverato e si è assistito ad un aumento delle richieste di beni di lusso. Che è pur vero che inducono un qualche aumento dell’occupazione...

Leggi tutto... (7791 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Accordo Pininfarina-Rosignolo e Regione Piemonte: forti preoccupazioni per l’occupazione
Inviato da: Alex Arrigoni on Tuesday, October 27, 2009 - 07:40 PM CET
 
  Moriconi e la politica
3976 Reads



Di fronte alla crisi produttiva e all’impossibilità di garantire il lavoro ai 900 dipendenti si è arrivati a un accordo tra IAI - Innovation in Auto lndustry S.p.A., della famiglia che fa capo a Gianmario Rosignolo, la Pininfarina Spa e Finpiemonte Partecipazioni, ente della regione Piemonte. L’accordo prevede la cessione dei macchinari, esclusa la galleria del vento, e dei contratti di lavoro dei dipendenti da Pininfarina alla IAI, la continuazione della subentrante a mantenere le attività produttive, rispettando i contratti con Ford e Alfa Romeo, nonché la risoluzione delle pendenze della Pininfarina. L’accordo è chiaramente finalizzato a garantire un futuro occupazionale ai 900 dipendenti. Vi sono però motivi di preoccupazione che nascono dall’esame di alcune parti dell’accordo...

Leggi tutto... (2426 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

  Articoli & Riflessioni: Un assessore all’ambiente 'cosmetico'
Inviato da: Alex Arrigoni on Wednesday, October 14, 2009 - 06:24 PM CET
 
  Moriconi e la politica
2313 Reads



Ieri sera, alla premiazione del Festival Cinemambiente l’assessore regionale De Ruggero ha strappato un applauso a scena aperta quando ha affermato che il Piemonte dice di no al nucleare aggiungendo però, subito dopo, che si sta lavorando per mettere in sicurezza tutte le scorie presenti sul territorio regionale che assommano a circa il 90% del totale delle scorie presenti in Italia.
Probabilmente i presenti non hanno capito il significato di queste ultime parole. Infatti la realizzazione del deposito per “mettere in sicurezza” le scorie è fortemente contestata dai movimenti ambientalisti che non accettano l’idea di mantenere in località insicure, già sono state alluvionate, fonti di radiazioni così imponenti, situate in una posizione dalla quale potrebbero inquinare l’acquedotto del Monferrato, il più grande del nord Italia...

Leggi tutto... (1404 bytes more) Send this story to a friend Printer friendly page
 

Giustizia ecologica, sociale e tra le specie   

Web site powered by PostNuke ADODB database libraryPHP Live!, brought to you by LivePeople.infoPHP Scripting Language

This web site was made with PostNuke, a web portal system written in PHP. PostNuke is Free Software released under the GNU/GPL license

All logos and trademarks in this site are property of their respective owners. The comments are property of their posters, all the rest © 2006 by Enrico Moriconi

Webmastering, webmanagement and graphics by Alex Arrigoni

Webhosting by Marlin S.r.L.

You can syndicate our news using the file backend.php